Da luglio 2020 si torna a UN SOLO download di EBOOK per utente. Vai nostro catalogo.

Per scaricare gli ebook è necessario essere iscritti alle biblioteche del Comune di Verona. Se non sei ancora iscritto, registrati online.

 

Novità e cataloghi

 

    
    

 

 Comunicazioni

24-07-2020
DAL 27 LUGLIO 2020 RIAPRONO LE SALE DELLA BIBLIOTECA CIVICA E DEL CENTRO AUDIOVISIVI
Trovate tutte le informazioni sulla pagina del sito delle biblioteche.

Avvisiamo gli utenti che:

  • i libri restituiti vengono tenuti in quarantena e scaricati dalla tessera dopo 4 giorni;
  • le mail automatiche di sollecito sono momentaneamente sospese, si raccomanda perciò di rispettare la data di restituzione riportata sul segnalibro consegnato al momento del prestito.

 

Marco Paci per la Biblioteca Civica


Istruzioni per l'area personale MyDiscoveryIstruzioni per l'area personale MyDiscovery 

Controlla i tuoi datiControlla i tuoi dati 

Ebook: come fare? 

Vedi tutti

Ultimi post

Altre menti - Peter Godfrey-Smith

«I cefalopodi sono un'isola di complessità mentale nel mare degli invertebrati. Poiché il nostro più recente antenato comune era una creatura semplicissima ed è tanto lontano nel tempo, i cefalopodi rappresentano un esperimento indipendente nell'evoluzione di grandi cervelli e comportamenti complessi. Se è possibile stabilire con loro un contatto come esseri senzienti, non è per via di una storia condivisa, non è per via di un'affinità - ma perché nel corso dell'evoluzione la mente si sviluppò due volte. È probabile che questo sia quanto di più vicino all'incontro con un alieno intelligente ci possa mai capitare.»

(pp. 20-21, Incontri sull'albero della vita)

The Castle of Otranto - Horace Walpole

«Ma toccò a un inglese molto allegro e attaccato alle cose del mondo - Horace Walpole, prima di altri - dare al crescente impulso una forma definitiva e divenire il vero fondatore del racconto letterario dell'orrore come forma permanente [...] Walpole pubblicò The Castle of Otranto (Il castello di Otranto) nel 1764, racconto del soprannaturale che, pur complessivamente mediocre e poco convincente, era destinato a esercitare un'influenza pressoché ineguagliata sulla letteratura del mistero [...] Questo è il racconto: piatto, ampolloso e completamente privo del vero orrore cosmico che costituisce la letteratura del mistero. Ciò nonostante, fu tale la sete dell'epoca per quei tocchi di stravaganza e antichità spettrale che essa riflette, da essere seriamente accolto dai lettori più giudiziosi e innalzato [...] su un piedistallo di eccelsa importanza nella storia letteraria»

da: H.P. Lovecraft, L'orrore soprannaturale in letteratura, SugarCo, Varese 1994, p. 27-29
(Testo in inglese di Supernatural Horror in Literature)

Al di là delle parole - Carl Safina

«Tutto quello che gli esseri umani fanno e possiedono viene da qualche parte: per poter assemblare gli esseri umani, l'evoluzione doveva avere a disposizione, nel suo magazzino, la maggior parte dei pezzi necessari, messi a punto per fabbricare i modelli precedenti. Pezzi che noi abbiamo ereditato.
Consideriamo, per esempio, il percorso degli arti articolati sia negli artropodi, sia nei quadrupedi - fino agli esseri umani bipedi. In una rana, l'osso del segmento prossimale dell'arto posteriore è un femore, proprio come in un pollo o in un bambino. Possiamo quindi ricostruire una trasformazione dell'arto dall'anfibio, all'uccello volatore, al triatleta. Una creatura che dorme, sta dormendo a prescindere dalla specie cui appartiene. Lo stesso vale per una che starnutisce. Le specie sono diverse - spesso, però, non molto. Solo gli esseri umani hanno menti umane; ma credere che solo gli esseri umani abbiano una mente è come credere che, giacché solo gli esseri umani hanno il loro scheletro particolare, siano gli unici a possedere uno scheletro. Certo: lo scheletro degli elefanti, a differenza della loro mente, possiamo vederlo. Però possiamo vedere il loro sistema nervoso, e possiamo osservare il funzionamento delle loro menti nella logica e nei limiti del comportamento. Che si tratti di scheletro o cervello, il principio è lo stesso; se dovessimo porre un assunto, potrebbe essere che anche per la mente esiste un continuum.»

(pp. 54-55 - Distintamente umano?)

Racconti fantastici - Guy De Maupassant

«I racconti dell'orrore del potente e cinico Guy de Maupassant, scritti quando la pazzia si stava ormai impossessando di lui, presentano peculiarità tutte proprie; sono i morbosi sfoghi di una mente realistica, in condizioni patologiche, più che visioni prodotte da una sana immaginazione naturalmente disposta alla fantasia e sensibile alle normali illusioni dell'occulto. Ciò nonostante sono di grandissimo interesse e acutezza; richiamano con forza meravigliosa l'imminenza di indicibili terrori e la implacabile persecuzione di un individuo sfortunato da parte di terribili e minacciosi rappresentanti delle tenebre esterne. Di questi racconti, Le Horla (L'Horla) è in genere considerato il capolavoro. Tratta della venuta in Francia di un essere invisibile che vive di acqua e latte, svia le menti di altri e sembra essere il condottiero di una orda di organismi extra-terrestri giunti sulla terra per soggiogare e distruggere il genere umano [...] Altre creazioni di efficacia macabra di Maupassant sono Chi lo sa?, Lo spettro, Egli, Il diario di un pazzo, Il lupo bianco, Sul fiume e i macabri versi intitolati Orrore»

da: H.P. Lovecraft, L'orrore soprannaturale in letteratura, SugarCo, Varese 1994, p. 57-58
(Testo in inglese di Supernatural Horror in Literature)

Giochi sacri - Vikram Chandra

Libro completo e complesso che segue le vicende di un gangster e di un polizziotto. Vite parallele e intrecciate sullo sfondo di un India alla ricerca della propria realtà e spiritualità

Icons by Dryicons

Prestiti in corso 0
Prestiti di oggi 0
Utenti iscritti 0